Foto di Tommaso Carmassi, tratta dalla pagina FB de Il Coro della Collina

A Roma esiste un coro molto particolare. Non tanto per il suo repertorio, bensì per le sue origini.

Il Coro della Collina nasce nella primavera del 2013 dall’idea di alcuni inquilini del condominio solidale “la Collina del Barbagianni”.

Ma che cos’è un condominio solidale? Nella Collina del Barbagianni abitano ben cinque nuclei familiari, in un’esperienza sociale che simula una piccola società civile. Queste famiglie hanno preso in comodato un casale nella campagna romana, risistemandolo e adibendolo a condominio. La peculiarità di questa convivenza è la messa in comune dei propri averi. Ciascun componente della comunità versa il proprio reddito in un unico conto corrente, da questo ogni nucleo familiare attinge secondo le proprie necessità. Attenzione! Non si tratta di prendere liberamente quanto e come si vuole, ma di porre in discussione in una piccola assemblea le richieste di ciascuna famiglia.

Da questa esperienza nasce l’idea di aggregare attraverso il canto altri amici.

Non è un coro che ha delle caratteristiche particolari rispetto al panorama artistico nostrano, ma certamente è incentrato sulla condivisione dell’allegria e dello stare insieme.

La compagnia è diretta con ironia, sapienza e generosità dal dott. Dodo Versino, già direttore del Coro Cantering e dell’Anonima Armonisti. Il gruppo alle prime prove contava solo una quindicina di elementi, oggi si è allargato ed è arrivato a superare i cinquanta cantori, di tutte le età.

Il repertorio comprende brani della tradizione popolare regionale ed internazionale, ma i cantori in realtà si cimentano con qualsiasi genere!

Nel corso degli anni, anche se partito come un gioco, il gruppo ha avuto modo di esibirsi in contesti di particolare rilevanza, come la Casa del Jazz e l’Oratorio del Caravita a Roma. Il Coro ha scelto poi di dare un senso diverso e profondo a questo impegno e così, con intenti seri ma in modo sempre scherzoso e leggero, tra una cantata in piazza ed un’altra si è spesso esibito in concerti di beneficenza a favore di associazioni che operano nel campo dell’assistenza e della solidarietà, arricchendo di molto la gioia dello stare insieme.