Poi una mattina la sentinella del Gramiccia mette un nuovo video della schiuma nel torrente utilizzato da anni come scarico di fogna. Le immagini raccontano che questa volta siamo di fronte ad uno scarico abbondante, copioso, come se fossero stati aperti tutti i rubinetti insieme. Lo sfregio continua. Ma continua a filmare tutto anche la sentinella e noi , come abbiamo promesso, non cediamo all’assuefazione,  continuiamo a raccontare lo scempio dell’impunito. Forse ancora per poco. Si parla di indagini, di sopralluoghi. Insomma sembra che qualcosa si stia muovendo. Intanto scorre verso il Tevere la schifezza riversata nel fiume che fu sacro ad una comunità.. La metafora del nostro smarrimento.