Condannato a 14 anni Antonio Ciontoli per l’omicidio volontario di Marco Vannini. E condannati anche i familiari Maria (la moglie), e i figli Martina e Federico a nove anni e quattro mesi per concorso anomalo in omicidio volontario.

La sentenza di secondo grado accoglie in parte le richieste della procura generale che aveva invocato 14 anni di carcere per l’ex militare dei servizi segreti Ciontoli, responsabile a suo avviso della morte del ragazzo. Quella notte del maggio 2015 si sparò per errore a Marco e si ritardò l’arrivo dei soccorsi. Questa era stata dal principio la ricostruzione dei pm di Civitavecchia che indagarono sulla vicenda.