E’ bastato un turno scoperto per far chiudere una stazione della metro. La fermata Baldo degli Ubaldi a Roma, è rimasta chiusa ieri, martedì 23 giugno, dalle 17.50 “per indisponibilità di personale”.

La stazione, riaperta solo a febbraio dopo un lungo calvario per la manutenzione delle scale mobili cominciato ad ottobre, è rimasta senza personale a disposizione per presidiare il gabbiotto e supervisionare le scale mobili.

Così, per motivi di sicurezza, Atac ha disposto la “chiusura temporanea”, pur scusandosi per il disagio.

Quello che lascia perplessi, come riporta il Corriere della Sera, è che è bastata una richiesta di congedo parentale di un dipendente per fermare una intera stazione.

“La situazione non è ancora tornata alla normalità pre-Covid – spiega l’Atac – E l’azienda paga da una parte la carenza di operatori e dall’altra le tante stazioni che non hanno scale fisse. Comunque una cosa del genere non era mai successa prima”.