PORTA MAIORI: COMPLETATO IL RESTAURO DEL TORRIONE.

Costruito nel secolo XV come torretta circolare inserita tra le mura difensive che cingevano la Rocca, il Torrione di Porta Maiori, e i resti del palazzo contiguo, demolito intorno agli anni ’60, sono stati sottoposti ad interventi di restauro strutturale e conservativo, conclusi nei giorni scorsi, che li hanno riportati all’antico splendore.

Il torrione, nel corso del tempo aveva subito numerose trasformazioni ed era andato incontro a dissesti strutturali e cedimenti che lo avevano ridotto ad una condizione di degrado per cui necessitava da anni di un’opera di recupero complessivo.

“Questo restauro, eseguito con la direzione scientifica della Soprintendenza, – dichiara Fulvia Polinari consigliere con delega ai Beni Culturali – ha rappresentato un’occasione di studio e di approfondimento delle fortificazioni che proteggevano Castelnuovo di Porto.

Il lavoro di recupero è stato improntato alla conservazione di tutte le variazioni che si sono susseguite nell’edificio durante i secoli, conservandone la memoria, ed è stata redatta una dettagliata documentazione tecnica dell’intervento.

Il rifacimento del torrione, fa parte di una azione di rilancio dell’identità di Castelnuovo di Porto che l’Amministrazione Comunale sta portando avanti anche attraverso la candidatura del nostro comune al Club dei Borghi più Belli d’Italia”.

“Oggi il torrione di Porta Maiori – aggiunge Gino Guadagnoli, Assessore ai Lavori Pubblici – può essere considerato il biglietto da visita del borgo di Castelnuovo di Porto, un comune che vuole riaffermare la propria identità di centro Medievale di pregio, valorizzando tutte le testimonianze storiche, monumentali e architettoniche di questa epoca presenti sul proprio territorio.

Senza dubbio, il Torrione di Porta Maiori rappresenta un elemento architettonico protagonista nella piazza principale di Castelnuovo di Porto che meritava un ruolo di primo piano, dopo anni di incuria e degrado”.