Sabato 23 maggio un lenzuolo bianco sarà esposto presso la sede del Comune di Castelnuovo di Porto per ricordare la strage di Capaci, avvenuta nel 1992, uno degli agguati di mafia più agghiaccianti della storia d’Italia, in cui persero la vita il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e il personale della scorta Vito Schifano, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro.

Da allora il 23 maggio è diventata la data simbolo della lotta contro tutte le mafie e a difesa della legalità.

L’Amministrazione comunale di Castelnuovo di Porto ha accolto la proposta di Maria Falcone, presidente della Fondazione intitolata a suo fratello Giovanni e rilanciata dall’Anci, di dedicare, attraverso un flash mob, questa Giornata Nazionale a tutti coloro che, nella dura battaglia contro la pandemia, hanno fatto la propria parte, prodigandosi con abnegazione e grande senso del dovere, nella difficile gestione dell’emergenza sanitaria.

Al Flash Mob, che prevede l’esposizione di un lenzuolo bianco presso i balconi di casa, parteciperà anche il Sindaco Riccardo Travaglini che alle ore 17:57, insieme ad altri sindaci d’Italia, osserverà un minuto di silenzio davanti la sede comunale, con la fascia tricolore, simbolo dell’unità nazionale e degli alti valori costituzionali.

Tutti i cittadini di Castelnuovo di Porto sono invitati ad appendere un lenzuolo bianco dal balcone di casa e ad affacciarsi tutti insieme alle 18.00 del 23 maggio.