I Carabinieri della Compagnia di Bracciano hanno eseguito un servizio straordinario di controllo del territorio di competenza, predisposto dal Gruppo di Ostia, al fine di intensificare la percezione di sicurezza nei comuni prospicienti il lago. Al termine dei controlli sono finite in manette 2 persone, mentre 7 sono state denunciate a piede libero ed altre 5 sono state segnalate all’Ufficio Territoriale del Governo quali assuntrici di droga.

Nello specifico, i Carabinieri della Stazione di Anguillara Sabazia hanno arrestato una donna poiché trovata in possesso di 109 g di hashish e di un bilancino elettronico, il tutto occultato dietro un termosifone della sua abitazione.

A Castelnuovo di Porto, i Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato un cittadino italiano, già sottoposto agli arresti domiciliari, poiché sorpreso all’esterno della sua abitazione, in violazione della misura cautelare a cui era sottoposto.

I Carabinieri della Compagnia di Bracciano, con l’ausilio dell’ASL locale, hanno effettuato nuovi controlli ai maneggi/aziende agricole, presenti sul territorio.

In particolare, sono state elevate contravvenzioni per un ammontare totale di circa euro 7.000 ad un maneggio, ove sono state riscontrate difformità sul registro di carico degli equidi nonché sui dati identificativi di 2 equidi.

Nel corso dei controlli stradali effettuati nei comuni prospici*enti il lago di Bracciano, i Carabinieri hanno denunciato tre cittadini italiani per detenzione ai fini di spaccio, in quanto trovati in possesso di varie dosi di differenti sostanze stupefacenti. Un uomo è stato altresì denunciato poiché controllato a bordo di uno scooter oggetto di furto, mentre un ragazzo italiano è stato denunciato per porto abusivo di un coltello a serramanico di 19 cm.

Inoltre, sono 2 le persone denunciate nell’arco notturno per “guida in stato di ebbrezza”.

Infine, 5 giovani italiani sono stati trovati in possesso di hashish e marijuana. Per loro è scattata la sanzione amministrativa per “uso personale di sostanza stupefacente”.