In barba a qualsiasi misura restrittiva, 81 persone si sono riunite 2 sere fa a Pontinia, in provincia di Latina, per una  festa provata successiva alla celebrazione di un matrimonio.

Qualcuno ha però segnalato la cosa, al punto che sono intervenuti i carabinieri. Risultato? Tutti identificati e multati i presenti (le nuove norme prevedono massimo 30 persone alle feste private).

“È grave e da irresponsabili quanto accaduto a Pontinia nonostante l’ordinanza restrittiva. Non si possono più fare feste e assembramenti di questa portata che mettono in discussione la salute dei partecipanti e del resto della comunità. Questo è il tempo della responsabilità altrimenti non possiamo farcela contro il virus”, dichiara l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato,  “che – dice l’assessore –  ringrazio dell’impegno che stanno profondendo nell’attività di controllo”.

Foto di repertorio