Lazio tra arancione e rosso, resta alto il numero di ricoveri e terapie intensive
Per tutto gennaio i pazienti ricoverati negli ospedali del Lazio sono diminuiti lentamente, ma costantemente, poi a metà di febbraio la curva ha ricominciato a risalire fino ai picchi di marzo e della prima parte di aprile. Questa crescita dei ricoveri, è dovuta al periodo in cui l’indice Rt del Lazio è stato calcolato a 1.31 e che ha provocato l’entrata del Lazio in zona rossa dal 15 al 28 marzo. In un mese (marzo-aprile), i dati sono in netto aumento: il 5 marzo c’erano 1872 ricoverati e 248 pazienti gravi, il 5 aprile invece 3095 ricoverati e 396 pazienti gravi in terapia intensiva.

Con una campagna vaccinale che a causa della mancanza di dosi stenta a decollare come potrebbe, il rischio concreto è che anche nei prossimi mesi la nostra Regione rimanga in bilico tra zona arancione e rossa, con tutte le conseguenze sociali ed economiche che questo comporterebbe.