La chingialina allatta serena nel prato del condominio. Sta a sua agio e non mostra segno alcuno di volersene andare.

Come si vede dalla foto i cinque cuccioli si nutrono di gusto all’ombra del pino. Continua cosi l’occupazione dello spazio esterno del caseggiato di Morlupo. La femmina di cinghiale lo ha fatto suo nei giorni scorsi trasformandolo in un tranquillo reparto maternità. E li sta. Fuori i condomini, fuori le loro vetture, fuori tutto. I cuccioli devono mangiare e crescere. Prima la vita insomma.

Tra i condomini però inizia a fare breccia una certa insofferenza. Va bene l’ospitalità ma, come dice il proverbio, dopo un po’ l’ospite inizia ad essere ingombrante. I giorni di protezione accordati dalla bolla firmata dal sindaco stanno ormai per scadere, ma è evidente che nessuno lo ha detto alla simpatica mamma cinghiale  oppure lei lo sa e se ne frega. Prima la salute dei cinque cinghialini.

Il tempo però, nonostante tutto sta per scadere. Lunedì si decide, lo sfratto è vicino.