DUE NUOVI CASI A MONTEROTONDO: PAZIENTI IN ISOLAMENTO DOMICILIARE –
RICONVERSIONE DEL SS GONFALONE IN COVID HOSPITAL FINO A 60 POSTI LETTO DEDICATI IN CASO DI NECESSITÀ

L’ASL Roma 5 mi ha informato da poco di due nuove persone risultate positive al Coronavirus residenti a Monterotondo.
I pazienti non hanno avuto bisogno del ricovero ospedaliero e sono in isolamento domiciliare. È stato avviato il protocollo sanitario sui contatti avuti recentemente da queste persone.

Con questi casi il numero dei positivi residenti nella nostra Città sale a 17.

Dei nostri 15 concittadini risultati precedentemente positivi 12 persone rimangono in quarantena domiciliare in buone condizioni, sono monitorati, supportati anche in alcuni casi dall’ufficio del COC.
I 3 pazienti ancora ricoverati (2 presso lo Spallanzani e 1 al S.Andrea) risultano in condizioni stabili e al momento non destano preoccupazione.

L’aumento lieve di casi riscontrato negli ultimi due giorni non ci deve spaventare, dei 17 casi riscontrati nel nostro territorio, 6 sono riconducibili a due nuclei familiari distinti.

Oggi inoltre, sono stato informato dopo un colloquio con il Direttore Sanitario della ASL Roma5, su proposta dell’Assessore Regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, che il nostro Ospedale SS. Gonfalone (in collaborazione con l’Azienda ospedaliera Sant’Andrea) rientra tra quelli della ASL Roma5 che saranno oggetto di lavori di riconversione che consentiranno alla struttura di essere attiva come COVID HOSPITAL capace di ospitare fino a 60 posti letto dedicati.

La riconversione avverrà in maniera graduale e inizialmente interesserà il terzo piano, questi primi posti letto si aggiungeranno ai 6 pl isolati e ai 2 di terapia intensiva, già attivati nei giorni scorsi.
Queste sono misure preventive che IN EVENTUALI CASI DI NECESSITÀ ci consentiranno di essere preparati, attrezzati e operativi.
Ad oggi è giusto sottolineare però che NON abbiamo ricoverati da Covid-19 nel nosto ospedale.

Ricordo inoltre che da giorni è attivo il Container Pre-Triage Covid, per il trattamento dei pazienti sintomatici in entrata all’Ospedale di Monterotondo così da garantire il loro accesso alla struttura in completa sicurezza, così come previsto dal protocollo sanitario.

E’ il momento di resistere, di essere forti e di rispettare al massimo le disposizioni e le limitazioni imposte dal Governo.

RESTARE A CASA è l’unico modo per limitare le possibilità di contagio.

Vi ricordo il recapito telefonico del COC: 069065891 attivo h24, contattatelo in caso di necessità, non uscite di casa.

So che posso contare su una comunità responsabile, attenta e scrupolosa; anche questa volta sapremo distinguerci per la nostra capacità di fare squadra!

Forza Monterotondo, ne usciremo presto, tutti insieme!

Buona serata.
Riccardo