NATALE “TRA DI NOI”

Per gli amanti delle manifestazioni all’aperto e delle gite fuori porta, la provincia a nord di Roma offre un vasto programma tra mercatini, concerti e sagre dedicate al tema natalizio; chi non ha voglia di immergersi nel caos della capitale può restare in provincia e trovare ugualmente un ricco repertorio che merita senz’altro di non passare inosservato.

0
1087

Si parte da Riano con la sagra del pangiallo e della polenta, protagonista il dolce natalizio tipico di Roma e provincia diffuso anche nelle zone della Sabina. Giunta alla VIII edizione, la sagra si terrà l’8 dicembre al centro storico del paese al cospetto delle mura del Castello Baronale, come da tradizione rianese. Il mercatino natalizio si rinnova ogni anno ed è accompagnato da musica e giochi per i più piccoli, con l’apertura della Casa di Babbo Natale per consegnare regali e letterine. Numerosi gli stand gastronomici dove trovano spazio prodotti locali e artigianali tra cui, ovviamente, polenta e pangiallo fatti seguendo la ricetta tradizionale. Il 9 dicembre a Sacrofano ci sarà il classico mercatino di natale: una giornata dedicata ai bambini, con laboratori di pasticceria e creazioni natalizie seguiti da letture e intermezzi musicali. Sarà inoltre possibile donare giocattoli usati e nuovi all’interno dell’iniziativa “giocattoliamo” voluta dall’Associazione Siamo Sacrofano, a favore dei bambini meno fortunati.

Si prosegue il 15 dicembre a Castelnuovo di Porto nell’incantevole piazza della Rocca Colonna con i Ludi Castelnuovesi: l’evento, sostenuto dalla Regione Lazio, nasce con l’obbiettivo di rivalutare la carne bovina locale ed esaltare la bellezza del Borgo proponendo un’intera giornata immersa nelle atmosfere Medievali, con carne cotta allo spiedo e spettacoli d’intrattenimento. Non mancheranno i mestieranti che lavoreranno la lana, l’argilla, il ferro e tanto altro ancora, oltre all’esibizione degli Sbandieratori di Narni e la Compagnia de ‘O Grifone accompagnati da musica medievale. Per chi preferisce rimanere sul classico, vale la pena di fare un salto a Martignano dove si svolgerà la prima edizione del mercatino natalizio nella suggestiva cornice del Casale di Martignano, proprio sulle rive del lago. Al centro dell’attenzione artigianato artistico e stand gastronomici. E ancora, il 16 dicembre, il Teatro Comunale di Nazzano ospiterà la Mostra Mercato Artigianale di Natale organizzata  dall’Associazione Il Sapere delle Mani.

Infine, sabato 15 dicembre a Rignano Flaminio si terrà il Concerto di Natale presso la Chiesa di San Giuseppe mentre il giorno successivo il centro storico del paese ospiterà il classico mercatino di natale. Ma la zona forse più famosa per i suoi suggestivi mercatini di natale è sicuramente Viterbo. La seconda edizione del Caffeina Christmas Village si è aperta il 23 novembre scorso e proseguirà fino al 6 gennaio 2019. Si tratta di un villaggio con attrazioni, giochi e divertimenti situato nel cuore del centro storico di Viterbo con angoli strutturati secondo i diversi temi: a Piazza San Pellegrino c’è la Casa di Babbo Natale dove si può curiosare nella cucina e farsi ospitare nello studio, ma anche vedere e accarezzare le magiche renne che riposano prima di intraprendere il lungo viaggio con la slitta per raggiungere i bambini di tutto il mondo. Proprio a fianco alla casa c’è l’albero dei desideri, sui cui rami si possono lasciare bigliettini carichi dei propri sogni e speranze per l’anno nuovo. A piazza Scacciaricci si trova la Biblioteca Fantastica, un luogo dedicato ai libri dove la fantasia regna sovrana. E ancora, Piazza San Carluccio ospita il Mondo Magico: un vero e proprio villaggio nel villaggio ma abitato da elfi e fate.

L’attrazione forse più conosciuta è il grande presepe allestito all’interno di Palazzo Papale, dove viene ricreato fedelmente un villaggio medievale con case riprodotte a grandezza naturale e i personaggi che si apprestano a svolgere le attività quotidiane del periodo, tra percorsi e giochi di luce. Infine, a Piazza San Lorenzo c’è il mercatino dove si può trovare davvero di tutto: dalle specialità enogastronomiche provenienti dalla Tuscia e da tutta Italia ai giocattoli di legno e lavorazioni artistiche con i materiali più vari.

(Foto di Elisa Camilli )

Per gli amanti dei presepi che hanno tempo e voglia di allontanarsi, è da segnalare senza alcun dubbio il Presepe Vivente di Greccio in provincia di Rieti: una rappresentazione teatrale vera e propria con un’accurata ricostruzione di scenografie, dialoghi e costumi dell’epoca. Insomma, c’è davvero l’imbarazzo della scelta e se per una volta si vogliono evitare centri commerciali e negozi affollati le manifestazioni locali nella provincia di Roma nord e dintorni offrono innumerevoli possibilità per soddisfare anche i più esigenti.