Il week end di test gratuiti per un ritorno a scuola in maggior sicurezza che si è tenuto in quasi tutti i comuni della Valle Tiberina e Flaminia, si è concluso ieri sera con l’emersione di  28 positivi.

Undici a Capena, sette a Castelnuovo, uno a Filacciano, uno a Torrita Tiberina, otto a Fiano Romano. A questi numeri bisogna aggiungere bambini, docenti e personale scolastico già in quarantena.

Si è tentato di alzare una ulteriore diga all’epidemia rispetto alla quale però parte della popolazione ha deciso di restare a guardare. L’adesione delle famiglie in generale è stata dappertutto intorno al 50%.

Complessivamente i tamponi effettuati sono stati circa 2.400.

A Fiano Romano su una platea di oltre 2.000 interessati hanno usufruito dello screening gratuito 900 utenti (786 studenti e 114 membri del personale). A Capena su una popolazione interessata di circa 1.500 persone (1283 studenti e 200  di personale), hanno aderito in 735. A Castelnuovo di Porto hanno usufruito del test gratuito 370 persone su 700. Buona partecipazione invece nei paesi più piccoli della Valle Tiberina: 160 a S.Oreste, 16 a Filacciano, 67 a Nazzano, 109 a Torrita Tiberina, 25 a Ponzano Romano.

 

Evitata presenza di 28 positivi nelle scuole

Grande lo sforzo organizzativo messo in campo in tutti i comuni con il coinvolgimento delle farmacie comunali e private, medici, volontari, in particolare nei tre comuni più grandi: Fiano Romano, Capena e Castelnuovo di Porto.

Commenta il sindaco di Fiano Romano Davide Santonastaso: “Il Comune di Fiano, come tanti altri, ha cercato di dare una risposta per il rientro a scuola attraverso un servizio di screening gratuito. Ieri sera sono tornato a casa molto stanco ma fiducioso, perché ho toccato ancora una volta con mano, e stavolta da primo cittadino, cosa è in grado di fare questa Comunità nei momenti in cui bisogna lavorare duro e insieme. Una partecipazione serena, collaborativa, da parte di grandi e piccoli”.

Roberto Barbetti, sindaco di Capena, medico e tra i vaccinatori, ha spiegato ieri sera: “E’ stata un’operazione utile, seppur non risolutiva, per il ritorno di domani alla riapertura in maggior sicurezza delle attività scolastiche. Domani sarà riaperto anche il plesso scolastico Salvo D’Acquisto in cui sono  terminati gli importanti e fondamentali  lavori di messa in sicurezza sismica. Avremo dunque anche nuove aule a disposizione”.

Pragmatico il commento del sindaco di Castelnuovo Riccardo Travaglini, che è stato il primo a partire, sabato 8,  con la campagna di test gratuiti e che risponde a chi aveva espresso perplessità sull’iniziativa: “E’ stata assai positiva, grazie a questa iniziativa 7 classi in cui si sono accertati i positivi sono state per il momento messe in sicurezza. Non potevamo rendere obbligatorio il test. Peccato per chi ha perso questa occasione. Rimane comunque il fatto che quei 7 alunni lunedì sarebbero andati a scuola positivi. Il rischio di contagio è stato diminuito, azzerarlo è impossibile”.