Quasi due mesi di grandi eventi con il Festival dei Monti Cimini al via dal prossimo 24 luglio a Nepi.

Fino al 27 settembre la manifestazione, promossa con il sostegno della Regione Lazio dalla Comunità Montana dei Cimini e Caffeina Cultura, organizzata da Carramusa Group, farà tappa in 16 comuni della Tuscia con un progetto culturale di ampio respiro che si articola in diversi momenti.

L’iniziativa, rinviata per l’emergenza, si svolgerà in suggestive location messe a disposizione dai singoli comuni, nel completo rispetto delle normative anti Covid.

In programma letture d’autore con grandi ospiti di livello nazionale, spettacoli animati per bambini, curati dalla compagnia Margot Teatro ed azioni di valorizzazione culturale del patrimonio storico e letterario del territorio.

Nell’ambito del festival, infatti, è in programma la digitalizzazione di documenti di pregio, attualmente inaccessibili, appartenenti agli archivi storici e alle biblioteche dei comuni di Blera, Capranica, Caprarola, Gallese, Nepi, Ronciglione, Vallerano, Vetralla e Vitorchiano.

Prevista infine la realizzazione di visite guidate virtuali, con  sistemi completi per la fruizione immersiva VR nei musei grazie all’utilizzo di apparati tecnologici in grado di permettere la navigazione interattiva attraverso scenari virtuali ricostruiti.

La manifestazione itinerante coinvolge i comuni di Blera, Barbarano Romano,  Canepina, Capranica, Caprarola, Carbognano, Civita Castellana, Gallese, Nepi, Oriolo Romano, Ronciglione, Soriano nel Cimino, Vallerano,  Vetralla, Vignanello, Vitorchiano.

Si parte il 24 luglio nella Rocca dei Borgia di Nepi con Marco Valentini che presenterà “Perché è ancora possibile salvare le api”.

Si prosegue a Ronciglione il 1 agosto con Errico Buonanno e “Teresa sulla Luna”.

Giovedì 6 agosto, a Caprarola, è la volta di Giampiero Mughini con “Uffa”, mentre il 22 agosto Barbarano Romano ospiterà Romana Petri con “Il figlio del lupo”.

Si prosegue il 25 agosto a Soriano con il generale dei carabinieri, Angiolo Pellegrini che presenterà “Noi, gli uomini di Falcone” ed il 28 agosto, a Vallerano, con Giorgio Nisini ed “Il tempo umano”.

Il 29 agosto torna, ad Oriolo Romano, Marco Valentini con “Perché è ancora possibile salvare le api” ed il 3 settembre, a Civita Castellana, Federico Moccia con “Semplicemente amami.”

Il festival dei Monti Cimini prosegue il 4 settempre, a Capranica, con Andrea Vianello ed “Ogni parola che sapevo”, il 6 settembre, a Gallese con Roberto Ippolito e “Delitto Neruda” e il 10 settembre, a Blera, con Gianumberto Accinelli e le “Voci della Natura”.

Il 20 settembre, a Canepina, ecco Cristiana Pedersoli con “Bud, un gigante di papà”, il 22 a Vetralla, Massimo Temporelli con F***ing genius, il 24 settembre, a Vitorchiano, Veronica Pivetti con “Per sole donne” e, a chiudere, il 27 settembre, a Vignanello, Vincenzo Venuto con “Il gorilla ce l’ha piccolo”.