OSSIGENO”, questo il nome dell’iniziativa interamente dedicata all’ambiente ideata e promossa dalla Regione Lazio, che coinvolgerà tutti i cittadini. Sei milioni di alberi saranno piantati con l’obiettivo di fare del Lazio una regione più al passo con i tempi e più attenta a cura del territorio, delle aree verdi ed alla qualità dell’aria. Saranno infatti 240mila le tonnellate annue di CO2 che verranno assimilate e compensate grazie al progetto della Regione. L’obiettivo dei 6 milioni di alberi, corrisponde circa ad un albero per abitante del Lazio.

Anche se l’iniziativa deve ancora ufficialmente partire, già si percepisce la particolare attenzione che il progetto riserverà alle opportunità dedicate ai giovani. Il 21 ottobre infatti è stato aperto “Green”, il bando da 3 milioni di euro per coinvolgere le nuove generazioni e sensibilizzarle al rispetto dell’ambiente. L’iniziativa si inserisce inoltre nei percorsi educativi ed è finalizzata a dare ai giovani strumenti di conoscenza utili per renderli protagonisti delle sfide che il cambiamento climatico e la sostenibilità ambientale rappresentano per la società moderna. Chiave dell’iniziativa sarà anche l’inclusione di scuole e università pubbliche della Regione, nel piano d’azione insieme a comuni, ospedali e centri anziani, Parchi Regionali, Istituti Culturali, Dimore storiche, musei, biblioteche e molti altri enti.

Fra il 2020 e il 2022 saranno stanziati circa 12 milioni di euro per l’acquisto degli alberi, rigorosamente autoctoni e certificati, per campagne di sensibilizzazione rivolte ai Comuni, alle grandi aziende, alle associazioni ambientaliste e alle ONLUS, e per la stessa piantumazione, fornendo la necessaria assistenza per la scelta delle piante e dei luoghi più adatti.

Il progetto comincerà a muovere i primi passi “ufficiali” il 21 novembre: durante la Giornata Nazionale degli Alberi saranno piantati 30mila alberi, già messi a disposizione dal Vivaio del Parco Regionale dei Monti Aurunci. Si partirà dai luoghi e dalle strutture di competenza regionale come le scuole e gli ospedali pubblici e si proseguirà nelle settimane successive con le università, i centri anziani, i luoghi della cultura, i parchi, le riserve e i monumenti naturali. Gli alberi saranno piantumati dal personale delle Aree Naturali Protette del Lazio e dalle associazioni di protezione civile coordinati da tecnici, agronomi e forestali della Regione Lazio. Le 3R saranno le grandi protagoniste del progetto: ridurre, riusare, riciclare sono parte integrante di Lazio Green per far diventare il Lazio un territorio sostenibile.

Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio ha dichiarato che:

“quello che sta partendo nel Lazio è il più grande piano di piantumazione alberi in tutta Italia, forse in Europa, per dare un segnale di controtendenza. Il progetto si chiama ‘Ossigeno’ quella è la parola più naturale che ci viene per pensare alla vita, l’ossigeno è l’elemento più importante per la qualità della vita e continuare a vivere in questo pianeta”

Tutti i cittadini potranno prendere parte all’impresa, piantando altri alberi previa consulenza degli uffici regionali in merito alle zone ed alle piante più consone. Certe iniziative vanno prese al volo, quindi che vinca il pollice più verde!