Scoperte e poste sotto sequestro dal Servizio veterinario della Asl 4 due strutture abusive per ricovero cani. Custodivano 62 animali.

E’ il risultato della campagna di controlli straordinari estivi per la prevenzione del randagismo condotta in collaborazione con le Polizie locali dei comuni. 

Ieri a Campagnano di Roma è stata individuata e posta sotto sequestro una pensione priva di autorizzazione. Era stata realizzata all’interno di una villetta a schiera e ospitava 12 cani. La loro presenza, ovviamente, non è sfuggita ai condomini che hanno attivato i vigili per risolvere la situazione. I veterinari della Asl dopo il sopralluogo hanno disposto il sequestro.

A Mazzano 50 cani in una struttura fuorilegge

Analogo intervento era stato condotto nei giorni scorsi a  Mazzano Romano, nei confronti di un canile abusivo. In questo caso gli animali ospitati erano 50. Venivano tenuti in strutture non idonee e sprovviste di autorizzazioni. Il Servizio Veterinario ha provveduto a contattare gli incauti proprietari per il recupero dei propri cani. Erano tutti, e fortunatamente, in buone condizioni di salute.

La Asl raccomanda: non lasciare i cani al primo che capita

Il comunicato della Asl scrive: “In occasione delle vacanze,la gestione degli animali domestici, può diventare un problema. Alcuni proprietari affrontano la difficoltà, sia pure in buona fede, in modo a volte inadeguato, anche affidando gli animali a persone non correttamente formate o a strutture non idonee. La prima raccomandazione – comunicano dal Servizio Veterinario – è di non affidarsi incautamente a chiunque. Indispensabile valutare la competenza della persona a cui si affidano i propri animali, ma anche e soprattutto verificare che le strutture di ricovero siano in regola con le autorizzazioni. Insomma, quando si parte non lasciamo i  nostri cani al primo che capita.