Maria Chiara Carrozza è presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr) e che sarà in carica per i prossimi quattro anni. E’ la prima presidente donna nella storia del principale ente di ricerca italiano. E’ stata nominata dal ministro dell’Università e della Ricerca, Maria Cristina Messa, con il decreto firmato oggi, 12 aprile 2021.

Con la nomina del presidente, il Consiglio nazionale delle Ricerche (Cnr) “torna a essere nel pieno delle sue funzioni organizzative e gestionali, oltre che scientifiche”: lo rileva in una nota il ministro per l’Università e la Ricerca, Maria Cristina Messa. “Voglio augurare buon lavoro al neopresidente e ringrazio il Presidente Massimo Inguscio per il grande lavoro svolto in questi anni”, ha detto ancora Messa.
Per il ministro il ruolo che il Cnr sarà chiamato a svolgere nei prossimi anni sarà strategico per la crescita di tutto il Paese e per la competitività internazionale: dovrà essere un vero motore, in modo trasversale su tante tematiche e settori, per valorizzare e fare emergere le tante potenzialità che esistono nel sistema della ricerca italiana”.

Una sfida e una responsabilità senza precedenti: è il commento di Maria Chiara Carrozza alla nomina di presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr). “Sono felice ed emozionata per la nomina a presidente del Cnr. Ringrazio la ministra Messa e il Comitato di Selezione per la fiducia riposta nella mia persona” ha detto. “Essere la prima donna alla guida del più importante e grande centro di ricerca del Paese è una sfida e una responsabilità senza precedenti. Ma anche un cambio di passo e di prospettiva“.