Per i nuovi treni della Roma Nord di cui si parla ormai da almeno quattro anni, forse questa volta il conto alla rovescia può iniziare davvero. Secondo l’annuncio del presidente della Regione Nicola Zingaretti ne dovrebbero arrivare 6. 

Altri cinque saranno destinati alla Roma Lido.

I primi quattro convogli è possibile arrivino tra due anni, gli altri seguiranno con cadenza trimestrale, fino ad arrivare ad 11. 

In campo ci sono 100 milioni. L’ordine è partito. È l’effetto del cambio di gestione delle due tratte passato da Atac a Cotral e Astral. Le due aziende regionali oggi fiancheggiano l’azienda comunale, dal 1 luglio invece faranno da sole. I pendolari per il momento ostentano scetticismo. L’assessore regionale Mauro Alessandri invece annucia che domani si firma il contratto.

Cinque stelle critici

Linda Meleo, capogruppo in Campidoglio del M5S, e Paolo Ferrara (M5S), consigliere capitolino e vicepresidente dell’Assemblea capitolina invece esprimono il loro dissenso e raccontano: ”Gli 11 nuovi treni (di cui 5 per la Roma-Lido) sono quelli che nel 2015 venivano pensati dalla sua giunta, finanziati nel 2016 con i famosi 180 milioni di cui 40 per nuovi treni e 19 per la revisione degli MA200, quindi promessi nel 2017, deliberati dalla giunta regionale nel 2018, strombazzati nel 2019, 2020 e 2021 e finalmente alla firma del primo contratto attuativo nel 2022. Chiaramente seguirà tutto il resto dell’iter, ovvero almeno 2 anni affinché questi treni vengano messi in esercizio. A questi 11 treni, invece, con i fondi accessori del Pnrr del 2021, la Roma-Lido dovrebbe essere integrata con ulteriori 15 treni: dunque per un totale di 27 compresa anche la Roma Nord, per i quali il soggetto attuatore (Regione-Astral) ha fatto la gara, ha firmato l’accordo quadro con l’impresa costruttrice, ma manca ancora la firma del secondo contratto attuativo”. 

Domani Regione sottoscrive contratto

Piccata la risposta dell’assessore regionale alla mobilità, Mauro Alessandri “’Le parole del M5S sulla Roma-Lido sono inaccettabili. Invece di criticare inutilmente dovrebbero ringraziarci, perché con la Giunta Zingaretti dalle parole si è passati ai fatti. Ciò che accadrà domani è un fatto storico, la sottoscrizione del contratto permetterà l’acquisto con 100 milioni di euro di 11 nuovi treni, di cui 5 proprio per la Roma-Lido. Inoltre sono già partiti anche tutti i lavori sulle infrastrutture e sulle stazioni, e allo stesso tempo stiamo rispettando il cronoprogramma della rigenerazioni dei vecchi mezzi, alcuni dei quali a causa della mancata manutenzione da parte di Atac, proprio durante l’amministrazione Raggi, sono stati fermati da Ansfisa, con evidenti disagi che tuttora perdurano per i pendolari e non solo”.